Il Nocino è un liquore che non manca mai nelle case di campagna italiane.

img alt="nocino"

Il liquore fece ingresso in Italia probabilmente dalla Francia, diffondendosi prima nella zona del Sassello  e nel Modenese. Il noce mantenne sempre un alone di leggenda, legato alla presenza di streghe e incantesimi, che si trasmise alla preparazione del liquore. Infatti per tradizione le noci venivano raccolte nella notte di San Giovanni dalla donna più esperta nella preparazione che, salita sull’albero a piedi scalzi, staccava solo le noci migliori, servendosi delle sole mani e senza intaccarne la buccia. Infatti si diceva che il ferro potesse alterare le virtù dei frutti.

Il noce è una pianta molto presente nelle nostre campagne. Per antica tradizione il giorno di San Giovanni, cioè il 24 giugno, si raccolgono le noci per preparare il Nocino.

2lt di alcol a 95°

40 malli verdi di noce

1 bastoncino di cannella

10 chiodi di garofano

2 limoni

Per la preparazione dello sciroppo:
1kg di zucchero
4dl di acqua minerale o distillata per alimentazione

Preparare il barattolo come descritto per le marmellate e le composte.

Le noci macchiano tantissimo le mani, quindi utilizzate un paio di guanti per maneggiare i malli di noce, lavarli e poi, su un tagliere, farli a pezzi piccoli.
Trasferirli in un grosso barattolo sterilizzato, aggiungere la cannella, i chiodi di garofano e la buccia gialla dei limoni.
Versate l’alcol e chiudere ermeticamente il coperchio.
Il vaso andrà portato all’aperto, in un luogo assolato, per 40 giorni.
Non dimenticate di scuotere il vaso più volte durante il giorno e di metterlo in casa la sera oppure se piove.
A questo punto, il 3 di agosto preparate lo sciroppo in una pentola d’acciaio con l’acqua bollente e lo zucchero, che farete sciogliere lentamente. Quando sarà tutto sciolto e lo sciroppo sarà limpido spegnete il fuoco e lasciatelo raffreddare.
Nel frattempo filtrate le noci con un passino a maglia fitta, poi con un filtro di carta, in modo da ottenere un liquido pulito.
Versarvi sopra lo sciroppo ormai raffreddato, mescolando piano.
Trasferire il nocino in bottiglie e lasciatelo maturare per almeno 30 giorni, per poi filtrarlo nuovamente e, a questo punto, il nostro Nocino è pronto!

By | 2018-03-01T09:57:48+00:00 ottobre 21st, 2016|LIQUORI, MARCHESANA|